Regolamento per le adozioni

Chiunque può inserire annunci per far adottare degli animali su AAE-conigli, ed essere messo a contatto con gli aspiranti "genitori". In tal caso è libero di decidere se affidare o meno il coniglio a chi ne fa richiesta.

Per quanto riguarda i conigli affidati alla AAE, viene adottato il seguente regolamento:

1. Impegno

I conigli sono animali sensibili, che richiedono affetto, cure e attenzioni. Chi adotta un coniglio deve farlo solo se ritiene di essere in grado di poter soddisfare le sue richieste di allevamento e di potergli dedicare del tempo. Si tratta inoltre di un impegno a lungo termine che va protratto per tutta la vita dell’animale.

2. Chi può adottare

La persona che ha la responsabilità del coniglio deve essere un adulto. La AAE non dà in affidamento conigli direttamente a bambini o come pet per bambini. Se nella famiglia sono presenti bambini piccoli (sotto gli 8 anni) la decisione di affidare il coniglio viene adottata caso per caso.

3. Richieste per l’animale

Il coniglio da adottare deve essere integrato nella vita della famiglia ed essere alloggiato in casa. Il coniglio non è un animale che può vivere rinchiuso in gabbia, deve avere la possibilità di muoversi liberamente in un ambiente sicuro e di interagire con la famiglia. Se è possibile fargli trascorrere del tempo all’aperto, questo deve sempre avvenire sotto stretta supervisione e prendendo ogni precauzione per evitare fughe ed incidenti.

4. Informazioni

Chi adotta il coniglio si impegna a prendere visione di tutte le necessità di allevamento e di alimentazione come descritte nella scheda di allevamento della AAE. I soci della AAE-conigli si impegnano a fornirgli consigli ed ulteriori informazioni eventualmente richieste.

5. Restituzione

L’adozione deve essere considerata un impegno permanente. Se per cause di forza maggiore o per problemi insuperabili chi ha adottato il coniglio non lo può più tenere, si impegna a restituirlo alla AAE e a non abbandonarlo per nessun motivo.

6. Richieste sociali

I conigli sono animali sociali. Se il coniglio non può passare molto tempo con le persone, o non è presente un altro animale adeguato (es. coniglio, cavia, gatto), è preferibile che vengano adottati due conigli (sterilizzati). Se in casa è presente un cane, la fattibilità dell’adozione viene considerata caso per caso. Se sono presenti furetti o altri animali giudicati incompatibili, l’adozione viene rifiutata.

7. Numero di conigli adottabili

La AAE non pone un limite teorico al numero di conigli adottabili da una singola famiglia, purchè questa sia in grado di garantire a tutti gli animali condizioni di vita adeguate e cure veterinarie appropriate.

8. Sterilizzazione

I conigli affidati dalla AAE sono in genere già sterilizzati. In caso di adozione di coniglietti, chi li adotta si impegna a farli sterilizzare (a 4 mesi i maschi, a 6 mesi le femmine). Per nessun motivo eventuali conigli adottati non ancora sterilizzati devono essere riprodotti.

9. Cure veterinarie

Chi adotta un coniglio deve impegnarsi a farlo seguire da un veterinario che si occupa di conigli, per praticare le vaccinazioni (le cui indicazioni variano da zona a zona) e si impegna a farlo curare in caso di malattia o altri problemi.

10. Contatti

E’ possibile che di tanto in tanto un membro della AAE-conigli contatti la famiglia adottante, se questa è d’accordo, per valutare come procede la convivenza con il coniglio, fornire consulenza e risolvere eventuali problemi. Chi ha adottato il coniglio può sempre rivolgersi alla AAE per qualunque problema che dovesse presentarsi.



  Home | Adozioni | Schede | Foto | Link | Video |  Articoli | Privacy | WEBMASTER